Il sogno americano di Cantina La Marchesa diventa realtà. Raccontare il territorio e fare squadra.

29 Marzo 2019
623 Visite

Marika Maggi ambasciatrice della Capitanata insieme ad altri produttori.

Fare squadra e raccontare il territorio attraverso le sue eccellenze. È da sempre il sogno di Cantina La Marchesa, l’azienda vitivinicola di Lucera fondata nel 1988 da Sergio Lucio Grasso e Marika Maggi.

Un sogno che è diventato realtà grazie alla sinergia tra produttori e alla voglia di promuovere oltreoceano Lucera e la Capitanata.

Dall’inizio dell’anno ad oggi, infatti, si contano già due tour – svoltisi il 26 gennaio e il 17 marzo – che hanno visto sul territorio la presenza di turisti americani.

«Abbiamo organizzato due giornate per questi ospiti, portandoli alla scoperta dei sapori e dei monumenti della nostra terra. Insieme agli amici di d’Araprì abbiamo aperto le porte delle nostre cantine e partendo dai vini e dai vitigni abbiamo raccontato la nostra terra», racconta Marika Maggi che per l’occasione ha messo in rete diverse realtà, come i produttori della Pasta Puà e i ristoranti di Lucera Coquus e Dentro al Vicolo, ma altri ancora saranno coinvolti prossimamente, comprese le strutture ricettive della città.

E non finisce qui perché Marika insieme a Nieves Pascua – guida turistica e sommelier di origine spagnola che vive tra Manfredonia e la Florida – sta organizzando altri progetti oltreoceano.

«Crediamo che attraverso il lavoro, il coraggio e la determinazione sia possibile raggiungere i risultati», spiega Marika che mira a raccontare all’estero non solo la propria azienda, ma anche la propria terra. Un obiettivo raggiunto visto che Cantina La Marchesa sta esportando i propri vini in Australia, California e Florida.

«In Florida abbiamo incontrato gli importatori Peter O’donnel e Dwane che hanno sposato il nostro progetto incentrato non solo sulla vendita del vino ma anche sulla didattica. Infatti durante i nostri viaggi organizziamo cene tematiche e momenti di studio e approfondimento sui vitigni. Questa formula piace molto agli americani, che adorano anche la nostra cucina e si cimentano nella realizzazione dei nostri piatti tipici», racconta Marika che aggiunge: «con loro stiamo lavorando ad un tour della Capitanata che durerà 5 giorni e che si concluderà con il thanksgiving nel mese di novembre qui a Lucera».

Ad oggi Cantina La Marchesa esporta in America circa il 50% della propria produzione. «Il vino più amato dagli americani è Il Capriccio (100% Fiano) che è stata una rivelazione sorprendente, subito dopo c’è Il Melograno (100% Uva di Troia) seguito dai rossi, il Cacc’è Mmitte e Il Nerone della Marchesa. Quest’ultimo è stato paragonato, per l’eleganza, ai vini francesi», chiosa Sergio Grasso.

Foto di Esther Favilla.

Allegati

Totale allegati: 8

nome tipo dimensioni link
CS-CantinaLaMarchesa Documento / File 119 KB
cantinalamarchesa1 Immagine 1 MB
cantinalamarchesa2 Immagine 1 MB
cantinalamarchesa3 Immagine 834 KB
cantinalamarchesa5 Immagine 875 KB
cantinalamarchesa6 Immagine 1 MB
cantinalamarchesa8 Immagine 144 KB
cantinalamarchesa9 Immagine 315 KB

1 Commenti

  1. Sempre al TOP MARIKA E SERGIO CARI SALUTI

Lascia un Commento

Continuando a navigare su PopCornpress.it, si accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Politica dei cookie
Popcornpress.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’ utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie di Facebook. Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori.
Twitter. Questo social network potrà trattare i tuoi dati personali per consentirle un’esperienza di navigazione arricchita da funzionalità e servizi.
Google+. Attraverso lo script plusone.js potrà trattare i dati personali secondo queste linee guida.
Il sito Popcornpress.it non ha alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito Popcornpress.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.
Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.
Si possono inoltre:
- cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio,
- nascondere le ricerche,
- settare le impostazioni degli annunci di Google.
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Chiudi