Mio Padre è un Albero, azienda agricola pugliese, protagonista all’Olio Officina Festival di Milano.

1 Febbraio 2019
600 Visite

Menzione d’onore a Le forme dell’olio, il concorso internazionale per il packaging e l’innovazione.

Lidia Antonacci crede nella qualità a tutto campo, del contenuto e della forma.

Mio Padre è un Albero, l’azienda agricola di Lidia Antonacci che ha sede a San Severo nel cuore del Tavoliere delle Puglie, è stata tra i protagonisti di Olio Officina Festival, l’annuale appuntamento dedicato all’olio e ai condimenti, il più grande happening al mondo ideato e diretto da Luigi Caricato, oleologo, scrittore, giornalista ed editore.

L’ottava edizione della manifestazione (svoltasi a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio) ha ruotato sul tema “Nostra signora pubblicità”, concentrandosi su una questione essenziale: come sia possibile, oggi, comunicare e promuovere una materia prima nobile e preziosa come l’olio extra vergine di oliva andando oltre i consueti messaggi, sviluppando nuove idee, nuove formulazioni, nuove narrazioni.

Come di consueto non è mancata l’attenzione al packaging e al visual design, mettendo in risalto le aziende che hanno sperimentato in questi ultimi anni nuovi percorsi legati all’estetica del prodotto olio. All’interno di questo stimolante contesto Mio padre è un albero ha ricevuto la menzione d’onore alla 6^ edizione del concorso internazionale di packaging e innovazione Le forme dell’olio 2019.

Venerdì 1° febbraio, nella Sala Leonardo del Palazzo delle Stelline a Milano, Lidia Antonacci ha ritirato l’attestato che premia il progetto #inVaso: un abbraccio di carta che custodisce l’olio extravergine Mio Padre è un Albero. La silhouette iconica della bottiglia si fa impronta, diventa vaso e restituisce una seconda vita al pack in cartone alveolare che, grazie ad una fessura sul top, permette di alloggiare fiori secchi ed elementi decorativi (come rametti o spighe), mestoli e cucchiai in cucina.

«Sono felice di questo premio, anche perché Olio Officina Festival è un luogo di cultura alta e di confronto, e voglio condividerlo con gli architetti Giulio Mandrillo, Chiara e Laura Pirro di DDuM Studio di San Marco in Lamis che hanno curato il progetto, già premiato al Buonolio Salus Festival, andato in scena il 28 e 29 aprile scorsi a Piedimonte Matese», afferma Lidia.

Tra una premiazione e l’altra sono intervenuti alcuni componenti della giuriaMauro Olivieri, designer, presidente ADI Liguria Associazione per il disegno industriale e presidente della Giuria del Premio Le Forme dell’Olio; Alessia Cipolla, architetto, designer e giornalista; Marisa Fumagalli, giornalista del Corriere della Sera; Antonio Mele, direttore creativo – per fare il punto della situazione e capire le nuove tendenze intraprese dalle aziende olearie.

Per dare valore al prodotto, oltre alla qualità intrinseca del contenuto, è necessaria anche la qualità della forma. La qualità a tutto campo. Ed è proprio quello a cui ambisce Lidia Antonacci che cura personalmente l’intera filiera dei prodotti Mio Padre è un Albero. Nella dispensa dell’azienda agricola oltre all’olio ci sono sottoli, paté, semola e pasta.

«Presentare e raccontare l’azienda è un lavoro continuo, che faccio tutti i giorni attraverso diversi strumenti. Anche il contenitore è un mezzo per parlare del mio olio, il monovarietale di Peranzana, l’extravergine prodotto con le sole olive della varietà Peranzana, albero presente nel mio oliveto e tipico dell’alto Tavoliere delle Puglie. Si tratta di un olio caratterizzato da un fruttato medio erbaceo con profumi freschi di carciofo, pomodoro foglia e mandorla, che al gusto si presenta con equilibrate note di amaro e piccante», spiega Lidia che ama profondamente la sua terra, i suoi alberi e i suoi frutti.

Le foto del packaging dell’olio Mio Padre è un Albero sono di DDuM studio.

#oof2019 #nostrasignorapubblicita #miopadreeunalbero

https://www.miopadreeunalbero.it/

 

Allegati

Totale allegati: 9

nome tipo dimensioni link
CS01-MioPadreèunAlbero-PremioOlio Documento / File 78 KB
MIO PADRE E' UN ALBERO-menzione d'onore regalistica 2019 Immagine 178 KB
miopadreèunalbero Immagine 136 KB
miopadreèunalbero2 Immagine 215 KB
miopadreèunalbero3 Immagine 146 KB
miopadreèunalbero-packmini Immagine 79 KB
miopadreèunalbero-oof2 Immagine 93 KB
miopadreèunalbero-oof3 Immagine 84 KB
miopadreèunalbero-oof-1 Immagine 138 KB

Lascia un Commento

Continuando a navigare su PopCornpress.it, si accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Politica dei cookie
Popcornpress.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’ utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie di Facebook. Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori.
Twitter. Questo social network potrà trattare i tuoi dati personali per consentirle un’esperienza di navigazione arricchita da funzionalità e servizi.
Google+. Attraverso lo script plusone.js potrà trattare i dati personali secondo queste linee guida.
Il sito Popcornpress.it non ha alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito Popcornpress.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.
Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.
Si possono inoltre:
- cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio,
- nascondere le ricerche,
- settare le impostazioni degli annunci di Google.
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Chiudi