Una grande festa gioiosa al Cus di Foggia con “Perché è normale essere speciali”

28 maggio 2018
446 Visite

Presenti 200 ragazzi, tante associazioni e, soprattutto, moltissime famiglie.

La 3^ edizione della manifestazione conferma l’importanza dello sport come strumento di inclusione.

Una grande festa gioiosa è andata in scena domenica 27 maggio al Cus di Foggia con “Perché è normale essere speciali”, l’evento organizzato dall’Officina Staffiero in collaborazione con Fisdir Puglia, CIP Puglia, AICS Foggia, Cus Foggia e altri sponsor privati, con il patrocinio di Provincia di Foggia, Comune di Foggia, Comune di Stornarella, Misericordia Orta Nova e Ce.Se.Vo.Ca.

Una gioia condivisa e visibile attraverso gli occhi e i sorrisi dei circa 200 ragazzi, dei loro accompagnatori e dei numerosi volontari che hanno partecipato alla 3^ edizione della manifestazione,

Tutti i partecipanti, sia persone con diverse abilità che normodotati, hanno avuto la possibilità di provare le numerose discipline: showdown, vortex, corsa, baskin, tennis tavolo e scherma in carrozzina, calcetto misto integrato. Oltre a fare un giro sul tandem dell’abbraccio – che fa vivere l’emozione di andare in bicicletta anche a chi non può pedalare e a chi soffre di autismo o sindrome di down – c’è stata la possibilità di provare l’handbike, grazie alla presenza all’evento di Andrea Botti e Saverio Di Bari, campioni della nazionale paralimpica di handbike.

Durante la mattinata si è svolta anche una gara del campionato regionale Fisdir di basket per persone con disabilità, grazie alla preziosa collaborazione di Floriana De Vivo, delegata regionale Fisdir.

E poi tanto divertimento per grandi e piccoli con la magic therapy e i diversi momenti di animazione.

Presente alla manifestazione anche una nuova realtà, l’ASD Capitanata Equestre che si occupa di equitazione per persone con disabilità e riabilitazione equestre (presso il Circolo ippico Posta Bassi a Foggia), insieme ad oltre 40 realtà associative della Capitanata.

La Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus ha messo a disposizione dei partecipanti all’iniziativa

Ekso, l’esoscheletro indossabile che ha permesso ad una persona sulla sedia a rotelle di giocare a pallacanestro.

«”Perché è normale essere speciali” è la dimostrazione che lo sport può essere una leva e uno stimolo per favorire l’inclusione delle persone con disabilità», ha dichiarato felice e soddisfatto Nicola Staffiero, organizzatore dell’evento, nonché responsabile del settore Diverse Abilità per il Comitato Provinciale AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) Foggia e delegato provinciale CIP Foggia, che ha ringraziato tutti i volontari, le associazioni, le famiglie e le scuole. L’organizzatore ha anche rinnovato l’invito alla prossima edizione, non nascondendo la volontà di far diventare questo evento itinerante in tutta la provincia.

Quest’anno anche gli studenti – dell’I.T.E. “Blaise Pascal” di Foggia, dell’Istituto Comprensivo “Aldo Moro” di Carapelle e della Scuola Media “Sandro Pertini” di Orta Nova – hanno avuto l’opportunità di vivere questa giornata speciale.

Presente alla 3^ edizione dell’evento anche Giuseppe Pinto, presidente del Comitato Italiano Paralimpico Puglia, che ha dichiarato: «Foggia è diventata per me la seconda patria per lo sport paralimpico, dopo la giornata nazionale del 5 ottobre scorso. È importante che a questi eventi partecipino tutti, ma soprattutto conta la presenza delle famiglie che stanno capendo quanto è fondamentale per i ragazzi con disabilità uscire di casa e avvicinarsi allo sport. Perché lo sport significa star bene e star bene con sé stessi vuol dire anche star bene con gli altri. E questa giornata ne è la dimostrazione».

Una giornata che ha dimostrato anche che attraverso la sinergia si possono raggiungere obiettivi importanti, come ha sottolineato Claudio Amorese, assessore comunale e presidente del Centro Universitario Sportivo – Cus Foggia, che ha portato i saluti del Sindaco e ha dato il benvenuto a tutti i partecipanti ribadendo che «il Cus è un luogo dove tutte le forme di espressione sociale troveranno sempre uno spazio per esprimersi».

“Perché è normale essere speciali” è stata un’occasione di incontro, di festa, di conoscenza, di inclusione e di vittoria per tutti. Alla fine della mattinata infatti, tutti i partecipanti hanno ricevuto una medaglia.

«Queste iniziative fanno bene alla nostra città», ha sottolineato Cesare Gaudiano, presidente di AICS Foggia, che ha ringraziato tutti i volontari che ogni giorno operano in vista del bene comune e ha aggiunto: «momenti di integrazione come quello vissuto oggi devono diventare sempre più ordinari e meno “straordinari”».

https://www.facebook.com/PercheNormaleEsserespeciali/

#perchénormalesserespeciali #civediamoalcus #disabiliabili

In allegato le foto della 3^ edizione di “Perché è normale essere speciali”.

Lascia un Commento

Continuando a navigare su PopCornpress.it, si accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Politica dei cookie
Popcornpress.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’ utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie di Facebook. Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori.
Twitter. Questo social network potrà trattare i tuoi dati personali per consentirle un’esperienza di navigazione arricchita da funzionalità e servizi.
Google+. Attraverso lo script plusone.js potrà trattare i dati personali secondo queste linee guida.
Il sito Popcornpress.it non ha alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito Popcornpress.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.
Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.
Si possono inoltre:
- cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio,
- nascondere le ricerche,
- settare le impostazioni degli annunci di Google.
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Chiudi