Il “Fondo Arte Paesaggio” di Castelluccio Valmaggiore si arricchisce con l’acquisizione di dieci opere del Maestro Salvatore Lovaglio.

13 Ottobre 2020
138 Visite

Un altro tassello importante per il progetto “Borgo della Cultura”.

Domenica 18 ottobre 2020 h 11.00, Spazio antistante Biblioteca Comunale, Castelluccio Valmaggiore.

Il costituendo “Fondo Arte Paesaggio” di Castelluccio Valmaggiore si arricchisce con l’acquisizione di dieci opere del Maestro Salvatore Lovaglio, che racchiudono la concezione del paesaggio sviluppata dall’artista in oltre trent’anni di attività.

Domenica 18 ottobre 2020 alle ore 11 nello spazio antistante la Biblioteca Comunale di Castelluccio Valmaggiore ci sarà l’evento di consegna delle opere alla presenza dell’artista. Alla cerimonia interverranno il Sindaco di Castelluccio Valmaggiore Rocco Grilli, l’Assessore alla Cultura Angelo Pompa, il curatore Gaetano Cristino, il Consigliere del ministro MiBACT Giuliano Volpe e il direttore della Biblioteca Pasquale Bloise.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Castelluccio Valmaggiore in collaborazione con F.A.P. (Fondo Arte Paesaggio) Castelluccio Valmaggiore, Biblioteca Comunale Castelluccio Valmaggiore e Fondazione dei Monti Uniti di Foggia.

«La donazione del Maestro Salvatore Lovaglio che ha dato vita al “Fondo Arte Paesaggio” – che si arricchirà delle opere del pittore nicaraguense Sergio Michilini – ha per l’intera comunità un significato che va ben oltre il concetto di donazione. Per tutti i cittadini rappresenta la consapevolezza di un cambiamento ed accrescimento e, quindi, di un nuovo percorso di arte partecipata», afferma il Sindaco di Castelluccio Valmaggiore Rocco Grilli, che aggiunge: «Il Fondo avrà il compito ed il merito di traghettare nella Valle del Celone artisti che aiuteranno alla comprensione della vera anima del paesaggio».

La donazione di Lovaglio – definito dal professor Giuliano Volpe “archeologo-artista dei paesaggi” – aggiunge un tassello importante al progetto “Borgo della Cultura”, che ha l’obiettivo di rendere Castelluccio Valmaggiore centro di aggregazione e crescita culturale.

Paesaggio 1985 (Olio su tela, 140×180 cm), Paesaggio (Olio su tela, 100×100 cm), Paesaggio 1987 (Olio su tela, 80×80 cm), Idea di paesaggio 1988 (Olio su tela, 200×180 cm), Idea di paesaggio 1999 (Tecnica mista su carta, 100×100 cm), Geografie (Pigmenti ed olio, 200×200 cm), Geografie 2006 (Tecnica mista su carta, 70×100 cm), Geografie 2006 (Tecnica mista su carta, 50×70 cm), Corso d’acqua (Ossidi e olio, 200x300cm), Malie di paesaggio (La cartella contiene 10 incisioni matrici di rame e ferro 500×500 mm stampate dall’autore con torchio Killinger su carta rosaspina bianca Fabriano 285 gr in 20 esemplari numerati in cifre arabe e 5 prove di artista numerate in cifre romane), sono le dieci opere che Lovaglio ha deciso di donare al “Fondo Arte Paesaggio”.

A sottolineare l’importanza di questa donazione anche il critico d’arte Gaetano Cristino che scrive: «La costituzione in Castelluccio Valmaggiore del “Fondo Arte Paesaggio” è un avvenimento importante perché è l’esito di una forte sinergia realizzata tra artisti, operatori culturali e amministrazione locale tesa a far conoscere, a partire dal fare arte “en plein air” e dalle “residenze” di artisti, non solo il valore delle bellezze naturali e dei beni paesaggistici del territorio ma anche le varie trasformazioni di significato, soprattutto per le relazioni uomo-ambiente, assunte nel tempo dal termine “paesaggio”, che, in ogni caso, pur quando apre al futuro, deve portare dentro di sé una memoria identitaria, perché altrimenti si rischia, come ha spesso sottolineato Christian Norberg-Schulz, di perdere il senso del luogo e di disorientarsi».

 

Informazioni biografiche

Salvatore Lovaglio nasce a Troia (FG) nel 1947. Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Foggia inizia l’attività artistica nei primi anni Settanta, epoca in cui si trasferisce in Lombardia e insegna al Liceo Artistico di Busto Arsizio.

La prima esperienza di Lovaglio si colloca in un’area informale, in cui si evidenzia subito un interesse primario per la forma, cui non è estranea una forte volontà di superare gli anni della formazione “tradizionale” ricevuta all’Istituto d’Arte di Cerignola.

In questa adesione anche “concettuale” al paradigma informale, la pittura diventa per Lovaglio un linguaggio che attraverso la scarnificazione della forma, deprivata progressivamente del colore, arriva all’identificazione di essenza fondamentale, colta nella composizione dei ritmi, nella contiguità dei perimetri delle sagome, negli accordi segreti della materia. L’armonia delle “Impronte”, una serie di carte del 1976, il rigore compositivo dei “Riflessi” o di “Ritmi”, opere dello stesso anno, indiziano una ricerca impostata “oltre” la superficie delle cose, un sentire “scabro ed essenziale”, come nelle parole di Eugenio Montale, che contiene già la ratio che ispirerà i più maturi “Paesaggi”.

L’esperienza lombarda, durata quasi dieci anni, incide profondamente nel lavoro di Lovaglio, sia per l’impegno in senso sociale del gruppo di artisti di cui fa parte e con cui partecipa a numerose mostre in spazi pubblici, sia per il continuo confronto con il cuore pulsante dell’arte europea.

Dal 1978 cominciano ad apparire sulle tele rade figure umane, dapprima la serie degli “Amanti” e poi le “Figure”. Gli “Amanti” sono un tirocinio di cose già vissute, grovigli di emozioni che ritrovano una forma nello spazio figurativo, in cui gli echi della pittura di Bacon si sviluppano in vibranti variazioni tonali: i colori, sabbiosi, privi di sostanza cromatica, divengono in seguito una costante che attraversa tutta la produzione di Lovaglio.

Le “Figure” invece emergono da uno spazio spoglio ridotto ad elementi minimi, sagome allungate di ascendenza giacomettiana, che sembrano ancora tradurre il principio di azzeramento del passato che fonda la precedente poetica informale: uno studio della significanza della forma forma-figura nello spazio, in cui, come commenta Massimo Bignardi, “l’interesse resta ancorato ad un sistema che si fonda sulle capacità dell’immagine a comunicare <pensieri visivi>”. Emerge in questa fase un’ostinazione a credere ancora nella pittura e nei valori di cui essa si nutre, che porterà alla metà del decennio successivo, alla svolta dei “Paesaggi”.

Nei primi anni Ottanta le figure si riducono a teste oblunghe che si inseriscono in uno sfondo non totalmente azzerato: è sempre presente un “varco” (ritorna alla mente un’altra citazione montaliana), che l’ultima delle “Teste” figurative, dipinta nel 1985, affronta quasi con un fremito, un varco che reca già l’impronta delle seguenti “idee di paesaggio”.

Il ritorno in Puglia, avvenuto nello stesso anno, muta radicalmente i modi della pittura di Lovaglio, ma non ne scalfisce la coerenza interiore, la ricerca della sintesi, la concentrazione degli elementi intesa nel senso dell’astrazione della forma.

Così il fitto intreccio di geometrie cromatiche dei campi della Capitanata e l’esperienza forte del nero delle stoppie bruciata riportano Lovaglio all’intenso rapporto con la materia del periodo informale: i vasti paesaggi, aspri ed essenziali invadono la superficie sopprimendo l’orizzonte, le trame fitte rimandano a sofferte forme interiori.

Il colore acceso delle prime opere della serie, così come l’accento figurativo del grande “Paesaggio dauno” del 1986, si spegne progressivamente nella sovrapposizione delle stesure, fino all’azzeramento cromatico: Lovaglio non guarda la superficie delle cose, scava nella sostanza della materia portando alla luce il “paesaggio” del vissuto personale.

Il sentiero che compare nei “Paesaggi” della fine degli anni Ottanta si incunea nello spazio con una sua propria indipendenza formale, riecheggia l’apparizione delle figure delle opere precedenti, “perturbante” emotivo del denso coacervo di materia.

Nelle “Idee di paesaggio” degli ultimi anni il sentiero bianco si assottiglia, lasciando il posto al progressivo dominare del nero che fagocita la superficie, risucchiandola all’interno della materia; un nero visto in tutte le qualità di luce ed assorbenza, di addensamenti magmatici o di sovrapposizioni di forme appena percettibili.

Lovaglio estremizza il processo di riduzione, espandendo il nero, che non è colore o negazione cromatica, bensì materia combusta che riassume in sé la sintesi della forma.

Su di un altro versante si collocano gli interventi in spazi pubblici, iniziati nel 1985 con la collaborazione con Franco Fossa per la realizzazione del Monumento alle Vittime sul lavoro di Busto Arsizio: l’interesse per la sculture in Lovaglio non è primario, ma deriva dall’impegno sociale e dalla predilezione per le tematiche della forma. Questi presupposti si estrinsecano nel desiderio di intervenire sull’ambiente urbano, di incidere nella vita della città: in tal senso si pone il progetto per una colonna in bronzo per la città di Lucera in cui condensa il concetto del monumento, inteso nel senso latino del termine, simbolo del valore sociale della memoria storica. Negli ultimi anni Lovaglio è tornato alla scultura monumentale, realizzando la “Porta del Cielo” nel  Parco Sculture di Ripe di San Ginesio e il San Giusto a Borgo San Giusto di Lucera e infine, soprattutto, la  statua equestre in bronzo di Re Manfredi voluta nel 2015 dal Comune di Manfredonia: un’opera straordinaria nella fusione di passato e presente, tra l’iconografia tradizionale della statua equestre e una fluidità, a tratti impressionistica, della figura, che la determina.

Sito | Facebook | Instagram

 

Allegati

Totale allegati: 2

nome tipo dimensioni link
Comunicato n. 1 - Salvatore Lovaglio Documento / File 1 MB
Locandina - Salvatore Lovaglio Immagine 217 KB

Lascia un Commento

Continuando a navigare su PopCornpress.it, si accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Politica dei cookie
Popcornpress.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’ utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie di Facebook. Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori.
Twitter. Questo social network potrà trattare i tuoi dati personali per consentirle un’esperienza di navigazione arricchita da funzionalità e servizi.
Google+. Attraverso lo script plusone.js potrà trattare i dati personali secondo queste linee guida.
Il sito Popcornpress.it non ha alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito Popcornpress.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.
Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.
Si possono inoltre:
- cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio,
- nascondere le ricerche,
- settare le impostazioni degli annunci di Google.
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Chiudi