Première di “Mio figlio”, lo spot dell’associazione Lavori in Corso che dal 2006 si prende cura delle famiglie dei detenuti. Giovedì 28 aprile 2022 alle ore 9.30 sui canali YouTube e Facebook.

27 Aprile 2022
158 Visite

Mio figlio” è il titolo del video promozionale dell’associazione Lavori in Corso che sarà presentato giovedì 28 aprile 2022 alle ore 9.30 in première sui canali YouTube e Facebook.

Scritto e diretto da Antonio Petruccelli, prodotto da Effetto Kulešov e con protagonista Adriano Santoro, il video racconta in 60 secondi l’attività dell’associazione Lavori in Corso che si prende cura delle famiglie dei detenuti e contribuisce a rafforzare il legame tra i bambini e i genitori che sono dietro le sbarre.

«Tutti i figli hanno il diritto di conservare un rapporto con i propri genitori, anche se reclusi, e un padre resta tale anche in carcere», spiegano gli avvocati Antonietta Clemente e Umberto Di Gioia, che nel 2006 hanno fondato l’associazione Lavori in Corso – con sede a Lucera – credendo fermamente nel cambiamento, nelle opportunità, nelle seconde possibilità.

«Dal 2006 progettiamo vite libere insieme a chi vive l’esperienza del carcere e desidera un futuro diverso per sé e per la propria famiglia. Migliorare e chiarire i rapporti di coppia, i legami genitoriali e familiari, favorisce il reinserimento sociale a fine pena», raccontano Antonietta e Umberto.

Secondo alcuni studi, infatti, un recluso che ha conservato i legami familiari rischia, in percentuale, tre volte meno la recidiva rispetto a un detenuto i cui legami familiari sono stati spezzati.

Per questo motivo la famiglia è al centro delle attività messe in campo dall’associazione, che ha realizzato 40 progetti con cui sono stati coinvolti ben 1.600 detenuti degli istituti penitenziari di Foggia e Lucera.

Nel corso degli anni, grazie anche al sostegno di 12 operatori e 100 volontari che hanno condiviso la filosofia di essere #costruttoridicambiaMenti, Lavori in Corso ha progettato e costruito luoghi fisici e relazionali all’interno del carcere, in cui i bambini si preparano all’incontro con il genitore e possono comprendere meglio le emozioni dell’incontro avvenuto, accompagnati da personale competente e formato.In contemporanea al lancio dello spot sarà online anche il nuovo sito dell’associazione, realizzato da Itlab srl, che in maniera dinamica e fruibile sintetizza la storia e la mission di Lavori in Corso. Il sito rappresenta uno strumento utile non solo per sensibilizzare la cittadinanza e diffondere i risultati delle attività messe in campo, ma anche per permettere ai parenti dei detenuti di contattare direttamente l’associazione, di fruire di strumenti pratici per gestire le problematiche che vivono quotidianamente e di avere un supporto psicologico, educativo e legale sulle tematiche legate alla genitorialità in carcere.

Il sito è in linea con la nuova brand identity di Lavori in Corso, realizzata dalla digital artist Antonella Tolve di Pit-Pop. La nuova identità – prendendo spunto dalla conta dei giorni che i detenuti fanno in carcere per “segnare” il tempo che passa – raffigura le sbarre tagliate da un fascio di luce: uno spazio in cui tutto può succedere.

«Il segno grafico che abbiamo scelto esprime una nuova possibilità, un progetto, una visione di cambiamento. Elementi che contraddistinguono l’associazione, perché i nostri “cantieri di cambiaMenti” hanno l’obiettivo di offrire un modello di presa in carico totale della persona rea, coinvolgendola in un percorso di reinserimento sociale, affettivo e genitoriale», concludono i fondatori.

A partire dal 29 aprile il video “Mio figlio” sarà proiettato al Cineteatro dell’Opera di Lucera, prima delle proiezioni dei film in programma e durante l’intervallo.

Le attività di promozione messe in campo dall’associazione Lavori in Corso rientrano nel progetto “FIGLI DI GENITORI DETENUTI: STRUMENTI PER CHI LI AMA”, presentato ed approvato secondo l’Avviso pubblico per enti no profit del Terzo settore, di cui al D.Lgs. n.117/2017, per la realizzazione di progetti finalizzati a preservare, sostenere e ripristinare la relazione genitoriale tra detenuti e figli minori.

 

Facebook | Instagram | YouTube

#progettiamovitelibere #lavorincorso #costruttoridicambiamenti #miofiglio

Allegati

Totale allegati: 4

nome tipo dimensioni link
Comunicato-Stampa01-LavoriinCorso Documento / File 62 KB
1_spot _mio figlio_lavoriincorso Immagine 259 KB
2_spot _mio figlio_ foto scena Immagine 67 KB
3_spot _mio figlio_ foto scena Immagine 57 KB

Lascia un Commento

Continuando a navigare su PopCornpress.it, si accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Politica dei cookie
Popcornpress.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’ utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.
Cookie di Facebook. Questo sito ha alcuni plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori.
Twitter. Questo social network potrà trattare i tuoi dati personali per consentirle un’esperienza di navigazione arricchita da funzionalità e servizi.
Google+. Attraverso lo script plusone.js potrà trattare i dati personali secondo queste linee guida.
Il sito Popcornpress.it non ha alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito Popcornpress.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.
Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida. Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.
Si possono inoltre:
- cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio,
- nascondere le ricerche,
- settare le impostazioni degli annunci di Google.
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Chiudi